Asset Tracking: tracciatura evoluta con l’RFiD

Tecnologia RFid per Asset Tracking

La tecnologia RFiD – soluzione per l’Asset Tracking - consente di ricostruire la storia e gli spostamenti di un oggetto grazie alle informazioni racchiuse nel chip al suo interno: KFI realizza soluzioni RFiD implementando lettori, smart label e tag per il tracciamento e il monitoraggio

Acronimo inglese di Radio Frequency Identification, la tecnologia RFiD di identificazione automatica e univoca - basata sulla propagazione nell’aria di onde elettromagnetiche – consente di riconoscere e tracciare oggetti, merci e persone a distanza e senza la necessità di un contatto fisico (comunicazione contactless) o di una lettura ottica.

La tecnologia RFiD è una delle soluzioni più performanti per l'Asset Tracking poiché permette di controllare lo spostamento delle merci e delle attrezzature in ogni fase di lavorazione, monitorare il tempo e la posizione dei beni in spazi chiusi, personalizzare il flusso di lavoro operativo in base agli asset, gestire e controllare in maniera automatica magazzini e la disponibilità delle merci.

L’Asset Tracking è utilizzato nel settore della logistica, della distribuzione, della produzione ma anche per la gestione degli asset stessi (macchine, attrezzature, arredi, dispositivi), risolvendo inventari e sistemi di archiviazione attraverso processi di tracciabilità efficaci ed efficienti.

KFI – azienda che progetta e implementa soluzioni tecnologiche per efficientare i processi di business per la Supply Chain e il Retail – è un partner di riferimento per la realizzazione di soluzioni di Asset Tracking proponendo sistemi per la tracciabilità delle risorse nei processi logistici e nella produzione che generano valore concreto e prevenendo potenziali rischi.

Tra le proposte dell’azienda per l’Asset Tracking, la tecnologia RFiD assicura più controllo, sicurezza, accuratezza nella gestione dei dati e ovviamente la mappatura di tutte le informazioni del processo, incluso il riconoscimento di matricole e lotti.

 

I VANTAGGI DELLA TECNOLOGIA

La tecnologia RFiD può essere utilizzata per serializzare, tracciare e identificare prodotti nelle diverse aree di gestione delle risorse assicurando anche un controllo facilitato di tutti i processi di manutenzione e riparazione. I vantaggi sono molti, tra i quali:

  • Identificazione univoca (ogni tag RFiD è programmato con un codice unico)
  • Raccolta dati veloce e diminuzione degli errori
  • Riduzione dei costi di gestione
  • Possibilità di contenere più dati rispetto a un codice a barre
  • Le informazioni contenute dentro il singolo tag (che, come detto prima, è unico e irripetibile) possono essere aggiornate tramite software senza intervenire fisicamente
  • Funzionamento affidabile in ambienti difficili (ad esempio condizioni umide, polverose e sporche ambienti corrosivi, vibrazioni e urti)

 

COSA SI PUO' FARE CON LA TECNOLOGIA RFiD

Sono molte le applicazioni pratiche oggi in uso nei più svariati settori industriali e commerciali; ecco alcuni esempi di cosa è possibile realizzare con la tecnologia RFiD:

  • gestione di merci (singoli colli o interi pallet) e loro tracciabilità;
  • verifica dell’utilizzo e dello spostamento di asset aziendali;
  • sistemi antitaccheggio in ambito commerciale;
  • automazione delle operazioni di input dati all’interno di un gestionale aziendale.

 

UN'OFFERTA COMPLETA E PERSONALIZZATA

Visti i vantaggi che la tecnologia RFiD può offrire, è bene sottolineare che essendo una soluzione molto specialistica necessita della consulenza di personale qualificato, in grado di supportare il cliente nella scelta della frequenza, del tipo di antenna, del tipo di supporto da usare, nella configurazione della architettura della strumentazione e dei relativi sistemi. Questo per garantire una reale efficienza e il raggiungimento dei risultati prefissati.

KFI è in grado di supportare i clienti proponendo la giusta soluzione per il tracciamento dei prodotti e assicurando che tutte le operazioni di movimentazione delle merci avvengano nella maniera corretta.

KFI propone tre diversi scenari applicativi:

  • lettura portatile con l’utilizzo di dispositivi portatili RFiD dotati di connettività Wi-Fi che consente all’operatore di effettuare una lettura completa dei tag presenti sui prodotti/scatole;
  • wide area monitoring che prevede l’utilizzo di un’infrastruttura fissa a soffitto per una lettura continua e automatica dei tag presenti in una determinata area. Inoltre consente di verificare la direzione di spostamento di ogni prodotto;
  • varco RFiD che prevede l’introduzione di varchi di lettura dei tag RFiD in posizione fissa. Al passaggio del singolo pallet davanti al varco il sistema rileva in maniera automatica i tag RFiD presenti sui colli.

 

I PRODOTTI RFiD PER LA TRACCIABILITA' DI KFI

I prodotti RFiD nascono in funzione della singola applicazione e la scelta dell’antenna è fondamentale; KFI propone diverse tipologie di smart label e di tag per oggetti utili per rispondere a ogni esigenza applicativa. L’azienda effettua sempre un’attività di test funzionale, un’analisi accurata dei processi di tracciabilità con un team di specialisti per verificare potenzialità e limiti e il ritorno sull’investimento auspicato.

Le smart label sono etichette adesive con all’interno un chip e un’antenna RFiD che possono essere fornite in diversi materiali - dal cartaceo al plastico - e dimensioni. Sono disponibili anche in versione “On Metal” in poliestere bianco con un adesivo acrilico ad alte prestazioni per l’uso su metallo o su superfici metalliche verniciate.

Il Tag RFiD – disponibile in tipologie badge, ticket, braccialetti, portachiavi – è composto da un supporto di poliestere su cui è stampata un’antenna in alluminio con geometrie diverse in base a dimensioni e prestazioni richieste, e sul quale viene assemblato un microchip che dispone della memoria necessaria per inserire un codice identificativo univoco.

I tag RFiD si suddividono principalmente in tag passivi e tag attivi.

I tag RFiD passivi ricevono l’energia necessaria a operare dal campo RF (radiofrequenza) fornito dal sistema e la comunicazione tra tag e reader avviene solo all’interno di questo campo elettromagnetico.

I tag RFiD attivi hanno un’alimentazione propria, normalmente costituita da una batteria a lunga durata, ed emettono una propria energia a RF che può propagarsi anche su distanze elevate.

 

SCEGLIERE LA SOLUZIONE GIUSTA DI ASSET TRACKING

Come abbiamo visto la tecnologia RFiD è uno dei sistemi di tracciamento degli asset che assicura maggiore efficienza, controllo, precisione e soprattutto consente di ricostruire la storia di ogni prodotto tracciato. Per raggiungere questi risultati è necessario conoscere a fondo il ciclo di vita del prodotto, i processi produttivi inclusi i periodi di attività o fermo macchina, le attività di manutenzione, i flussi all’interno dell’azienda e gli attori coinvolti. Le opportunità che l’Asset Tracking e la tecnologia RFiD possono offrire sono molte sia in ambito produttivo, sia di supply chain.

Etichette certificate FSC®: scegli l’ambiente con KFI Vocalize per la supply chain agroalimentare, uno dei focus di Cibus Tec Parma